Alter Ego

“This is Simone. Simone is in their dressing room preparing for the evening’s performance. We catch them at the beginning of their transformation, standing in front of a mirror. Whitened face and thick and dark painted eyebrows. The moment is intimate and arresting. Suspended here between two identities, we’re invited to join in a personal moment of transformation. Stripping the image to a soft black and white and in close up, Loredana’s image is a thoughtful reflection on identity, gender and performance. .
.
The image forms part of a larger project that constellates on the fluidity and expressivity of gender as expressed through the story of three men, Simone (Kelly), Carmelo (MagaMela) and Alessandro (Veranda) at Queever in Italy, a famous local club known for its drag shows.”


Ho conosciuto Carmelo, Alessandro e Simone una sera del 2017.
Il Queever a Torino è un locale famoso per gli spettacoli delle Drag Queen, e per me era la prima volta che vi partecipavo come spettatrice, casualmente avevo con me la macchina fotografica e così su due piedi ho approfittato della particolare situazione e mi sono lanciata. A vederli non avrei mai immaginato la loro trasformazione, è incredibile cosa sa fare un fondotinta ben steso, una cipria compatta e ombretti colorati, per non parlare poi delle pancere che indossano per accentuare le curve e quei magnifici vestiti attillati… essere donne costa fatica… e lo sappiamo bene!
Ma li osservavo e pensavo che la femminilità non sta tanto nel fatto di essere nate femmine ma in come i gesti semplici possano parlare di una anima che tale si sente soprattutto guardandosi allo specchio. Questi tre uomini simpatici, disponibili, ironici li ho visti lentamente, senza fretta, evolversi, divenire, trasformarsi in gioco di sensualità e seduzione fatto di sguardi, ammiccamenti e pose femminili senza mai dimenticare quel lato ludico e giocoso che li rende unici e veri.