Di vigne e di sangue

Visitare il Percorso Storico del Monte Brestovec è stato come calarsi in una
dimensione sconosciuta, profondamente dolorosa, poiché pensavo a come quei
luoghi fossero stati teatro di guerra, dolore e frustrazione, ed allo stesso tempo
speranza, voglia di pace e di silenzio. Ho avvertito intorno a me presenze
pregne di un trascorso pesante che tutti dovremmo conoscere ed ho deciso che
avrei raccontato questo luogo e la sua storia attraverso una presenza-assenza
che si manifesta e si materializza alla fine del percorso storico,
concretizzandosi nei ciclisti che lasciano il segno del loro passaggio evolvendosi
in ciò che questo luogo è diventato oggi: un itinerario storico turistico.
Nel profondo e rigoroso rispetto di chi la solca è auspicabile quanto meno porsi
delle domande, fermarsi e riflettere, poiché l’Anima di questi soldati, italiani ed
austro-ungarici, è la nostra memoria storica da non dimenticare, ma al
contrario, da celebrare.

Lascia un commento